Impianti di sicurezza

Nel settore impianti di sicurezza la nostra base di partenza sono gli impianti di messa a terra.

Verifica impianti elettrici
L’ambito impianti di sicurezza vede l’Istituto di Ricerche e Collaudi M. Masini quale organismo abilitato dal Ministero delle attività produttive ad effettuare verifiche sugli impianti elettrici sia periodiche che straordinarie, secondo quanto previsto dal Decreto del Presidente della Repubblica 22 ottobre 2001, n. 462.

Il decreto 462/01: 
Il decreto  462/01 disciplina i procedimenti relativi alle installazioni ed ai dispositivi di protezione delle scariche atmosferiche, agli impianti elettrici di messa a terra e agli impianti elettrici in luoghi con pericolo di esplosione collocati nei luoghi di lavoro.
La messa in esercizio degli impianti elettrici di messa terra e dei dispositivi di protezione contro le scariche atmosferiche non può essere effettuata prima della verifica eseguita dall’installatore che rilascia la dichiarazione di conformità, tale dichiarazione equivale all’omologazione dell’impianto. Entro 30 giorni dalla messa in esercizio dell’impianto il datore di lavoro invia la dichiarazione di conformità all’ISPESL ed all’ASL o all’ARPA territorialmente competenti.

L’ ISPESL effettua a campione la prima verifica sulla conformità alla normativa vigente. Il datore di lavoro è tenuto ad effettuare regolare manutenzione dell’impianto, nonché a far sottoporre lo stesso a verifica periodica ogni cinque anni, ad eccezione di quelli installati in cantieri, i locali adibiti ad uso medico e negli ambienti a maggior rischio di incendio per i quali la periodicità biennale. Il soggetto che ha eseguito la verifica periodica rilascia il relativo verbale al datore di lavoro che deve conservarlo ed esibirlo a richiesta degli organi di vigilanza.
La messa in esercizio degli impianti in luoghi con pericolo di esplosione non può essere effettuata prima della verifica eseguita dall’installatore che rilascia una dichiarazione di conformità.
Entro 30 giorni dalla messa in esercizio dell’impianto il datore di lavoro invia la dichiarazione di conformità all’ASL o all’ARPA territorialmente competenti. L’omologazione dell’impianto è effettuata dalle ASL o dall’ARPA territorialmente competenti che effettuano la prima verifica. Il datore di lavoro è tenuto ad effettuare regolare manutenzione dell’impianto, nonché a far sottoporre lo stesso a verifica periodica ogni due anni. Il soggetto che ha eseguito la verifica periodica rilascia relativo verbale al datore di lavoro che deve conservarlo ed esibirlo a richiesta degli organi di vigilanza.

Impianti di messa a terra

L’istituto di ricerche Masini è in grado di offrire: l’esecuzione delle verifiche periodiche e straordinarie degli impianti di messa terra, dei dispositivi di protezione contro le scariche atmosferiche e degli impianti in luoghi con pericolo di esplosione. Il rilascio di un verbale di verifica in conformità a quanto previsto dal d.p.r. 462 / 01 da esibire a richiesta agli organi di sorveglianza.

Articolo 71
L’Istituto Masini è soggetto abilitato dal D.M. 14.1.11 concernente “disciplina della modalità di effettuazione delle verifiche periodiche di cui all’articolo VII del DL 9 aprile 2008 numero 81 nonché i criteri per l’abilitazione dei soggetti di cui all’articolo 71 comma 13 del medesimo decreto legislativo.